top of page

Dalla Squalano al Carminio: Animali nei Cosmetici




Ciao!


Proseguiamo il nostro viaggio in Veganuary, cavalcando l’onda del nostro ultimo articolo dedicato a 35 ingredienti di origine animale spesso presenti nei cosmetici. Questa volta, mettiamo sotto i riflettori e approfondiamo cinque di questi ingredienti di origine animale.



Coccinella su foglia e donna truccata, simbolo di ingredienti animali nei cosmetici


Ma non ci limiteremo a parlare dei loro effetti sulla pelle. Andremo oltre, svelando le preoccupazioni etiche che sollevano e presentando alcune fantastiche alternative vegane. Dal potere idratante della lanolina al rosso intenso del carminio, stiamo per svelare le vere storie dietro questi ingredienti. Quindi, preparatevi a scoprire come potete fare scelte più etiche e sostenibili nella vostra routine di bellezza. Cominciamo!






In Breve


  • La lanolina, derivata dalla lana delle pecore, è apprezzata per le sue proprietà idratanti nei cosmetici. Tuttavia, emergono preoccupazioni etiche dalla sua associazione con le pratiche dell'industria della lana, come il trattamento inumano delle pecore.

  • Il collagene, una proteina presente negli animali, è un ingrediente popolare nella skincare per i suoi benefici idratanti. Il problema etico risiede nella sua origine, principalmente dalle pelli e dalle ossa del bestiame, collegando il settore cosmetico allo sfruttamento animale.


  • La gelatina, ottenuta bollendo ossa, pelli e tendini di animali, è utilizzata per le sue proprietà gelificanti nei cosmetici. Simile al collagene, la sua produzione solleva preoccupazioni etiche a causa delle sue origini animali e della crudeltà associata.


  • Lo squalano, noto per le sue qualità idratanti, è spesso derivato dal fegato di squalo o da oli vegetali. L'uso di squalano derivato dagli squali solleva significative questioni etiche e ambientali, inclusa la messa in pericolo delle popolazioni di squali e degli ecosistemi marini.


  • Il carminio, un colorante rosso vivace utilizzato in vari cosmetici, è prodotto da insetti cocciniglia. Il dilemma etico qui coinvolge l'uccisione di massa di questi insetti, sollevando preoccupazioni riguardo alla crudeltà sugli animali e l'impatto sugli ecosistemi locali.



Lanolina / Cera di Lana


Cos'è?


La lanolina, o come alcuni la chiamano, cera di lana, è questa sostanza cerosa che proviene dalla lana delle pecore. È praticamente come l'olio che produce la nostra pelle, noto come sebo. Le pecore la producono per mantenere la loro lana bella e impermeabile. Nel mondo della cosmesi, la lanolina è molto apprezzata per le sue proprietà idratanti, emulsionanti e detergenti. La troverete in una serie di prodotti come balsami per le labbra, lozioni e shampoo, dove aiuta a trattenere l'umidità e a dare morbidezza (ScienceDirect; Incidecoder).



Agnello in campo, denota l'origine animale della lanolina nei prodotti cosmetici


Quali sono le Preoccupazioni Etiche?


Ora, parliamo del lato nascosto e meno bello della lanolina. È tutto legato alla sua origine: l'industria della lana. Per ottenere la lanolina, la lana viene messa in questa macchina centrifuga che separa la cera di lana dal resto.


Sebbene la lanolina di per sé non causi la morte delle pecore (poiché viene raccolta dopo la tosatura) e possa sembrare un sottoprodotto naturale del settore della lana ritenuto da molti “innocente”, il quadro generale è piuttosto cupo. Le pecore, che potrebbero vivere fino a 17 anni, vengono spesso macellate per la carne, di solito prima che compiano 6 anni, specialmente quando la loro produzione di lana diminuisce. E le condizioni in cui vivono? Tutto fuorché umane. Stiamo parlando di pratiche come il mulesing (pratica che prevede lo scuoiamento della pelle intorno alla coda), insieme a perforazione delle orecchie, taglio della coda e castrazione - tutto senza anestetici. Inoltre, le pecore spesso affrontano viaggi lunghi e stressanti verso il macello, tutte ammassate ed esposte a sostanze chimiche (PETA; Axiology).


Quindi, quando parliamo di lanolina, ricordiamoci anche del suo contributo indiretto a tutte queste pratiche e trattamenti che sarebbero considerati crudeli se applicati a cani o gatti.



Quali sono le Alternative Vegane?


Oli vegetali, burri e cere imitano, e spesso superano, le proprietà della lanolina, essendo allo stesso tempo scelte etiche e benefiche per la pelle. Esempi includono:


  • Burro di karité: Estratto dalle noci dell'albero di karité, il burro di karité è noto per le sue proprietà idratanti. È ricco di vitamine e ha questa incredibile capacità di lenire e idratare anche la pelle più secca. Inoltre, contiene vitamina A ed E, due potenti antiossidanti che aiutano a prevenire i danni cellulari (Cleveland Clinic, 2022).


  • Olio di jojoba: Estratto dalle noci della pianta di Jojoba, questo olio imita gli oli naturali della tua pelle, rendendolo un fantastico antiossidante e idratante che non è né pesante né untuoso nell’applicazione. È perfetto per equilibrare sia la pelle secca che quella grassa, ed è molto apprezzato anche da chi ha la pelle incline all'acne (Healthline).



Collagene


Cos'è?


Il collagene è una proteina naturalmente presente nel corpo umano, prevalentemente nella pelle, nelle ossa e nei tessuti connettivi. È essenziale per mantenere l'elasticità e la forza della pelle.


In cosmetica, il collagene è un ingrediente stellare in molti prodotti come creme, sieri e integratori, come potente umettante e idratante (e no, non ha quegli effetti anti-invecchiamento per cui è spesso esaltato) (Sionkowska et al., 2020; Incidecoder).



Quali sono le Preoccupazioni Etiche?


Ora, da dove proviene questo collagene spesso presente nei prodotti di skincare? Principalmente, è di origine animale - stiamo parlando di parti come la pelle e le ossa di mucche, maiali, pesci e altri animali marini come meduse e cetrioli di mare (Sionkowska et al., 2020; Incidecoder).


Questo significa che il settore cosmetico è praticamente legato a braccetto con i settori della carne e della pesca. E diciamo solo che questi settori hanno una certa reputazione – non esattamente la migliore quando si tratta di essere gentili con il pianeta o gli animali.



Fila di bovini e mucche, illustra la fonte animale del collagene nei cosmetici


Pensateci: quando usiamo collagene di origine animale, stiamo ulteriormente aggravando il già pesante carico ambientale dell’industria del bestiame. Questo settore contribuisce in maniera massiccia alle emissioni di gas serra ed è noto per aver costante bisogno di risorse naturali. Avete mai sentito parlare della deforestazione dell'Amazzonia? Questo articolo del Guardian collega il collagene alla deforestazione brasiliana. E poi c'è il collagene del pesce. Estrarre collagene dal pesce non significa solo catturare qualche pesce qui e là; contribuisce alla sovrapesca (il cosiddetto “overfishing”) e alla distruzione degli ecosistemi marini (National Geographic). E cosa dire dell'acquacoltura? Stimolata dalla crescente domanda di collagene marino, l'acquacoltura comporta numerose problematiche ambientali ed etiche, specialmente riguardo all'alimentazione di persone e animali (Plant Based News, 2023).



Quali sono le Alternative Vegane?


Buone notizie: il collagene vegano esiste! Grazie alle meraviglie della biotecnologia, utilizzando lieviti e batteri, ora il collagene vegano è ufficialmente sul mercato (ricordate il nostro articolo sul progresso della biotecnologia, con aziende come Modern Meadow in prima linea?).


Ma, poiché è ancora piuttosto nuovo, trovare collagene vegano sul mercato può essere difficile. Nel frattempo, la maggior parte delle aziende vende booster di collagene, ricchi di vitamina C e zinco. Anche la vostra dieta può essere un potenziatore naturale di collagene. Caricatevi di prodotti a base di soia, fagioli, semi e noci – tutti ricchi di aminoacidi amici del collagene come glicina, lisina e prolina (Healthline).



Sciame di meduse, simbolo dell'origine animale della gelatina nei cosmetici

Gelatina



Cos'è?


La gelatina è una proteina derivata dal collagene, ottenuta bollendo ossa, pelli e tendini di animali. Tradizionalmente derivata da mucche o maiali, la gelatina è sempre più prodotta anche da pesci. Nei prodotti di bellezza, la gelatina è scelta per le sue proprietà gelificanti e leganti, rendendola una scelta popolare in prodotti come cosmetici cremosi e prodotti per la cura dei capelli (Science Direct; Science Direct; Incidecoder).




Quali sono le Preoccupazioni Etiche?


La gelatina affronta le stesse questioni etiche del collagene, poiché deriva dal collagene animale. Per maggiori informazioni su queste preoccupazioni, consulta la sezione sul collagene sopra!



Quali sono le Alternative Vegane?


Quando si tratta di sostituire la gelatina nei prodotti di bellezza, gli idrocolloidi estratti dalle piante sono una scelta fantastica. Spesso definite come 'gelatina vegetale', queste alternative vegetali includono agar, carragenina, pectina, gomma xantana, amido di mais modificato e cellulosa. Sono ottimi per dare quell'effetto gelificante in vari prodotti (FACTS, 2022).


Il mio preferito personale (sia per i cosmetici che in cucina) è l'agar. Estratto dalle alghe, l'agar è noto per la sua capacità di stabilizzare agenti idratanti e addensanti nei cosmetici. È particolarmente benefico nella cura della pelle, dove aiuta a mantenere la consistenza del prodotto e può anche aiutare a ridurre la secchezza della pelle (L’Oréal).



Squalano



Cos'è?


Lo squalano è una sorta di superstar nel mondo della cura della pelle. È una forma stabile, purificata e idrogenata di squalene, un composto oleoso che non è molto stabile nella sua forma naturale. Qui entra in gioco lo squalano – è una versione più stabile utilizzata in una varietà di prodotti per la cura della pelle.


Lo squalano è noto per le sue eccezionali proprietà idratanti e la sua capacità di imitare gli oli naturali della nostra pelle. Non è untuoso, si assorbe rapidamente ed è adatto a tutti i tipi di pelle, inclusa la pelle sensibile e incline all'acne. Inoltre, è un fantastico antiossidante, che aiuta a combattere i danni della pelle e i segni dell'invecchiamento (Healthline; Incidecoder).


Lo squalano ha una storia interessante. Si trova nel fegato degli squali e negli oli vegetali come l'oliva, così come nel sebo della pelle umana (quella sostanza oleosa che la nostra pelle produce naturalmente). E sì, avete letto benesquali. Qui iniziano a emergere le preoccupazioni etiche.



Squalo, emblema della fonte animale dello squalano nei cosmetici


Uno studio della BLOOM Association, un'organizzazione no profit dedicata alla conservazione marina, nel 2015 ha scoperto qualcosa di sorprendente: 1 su 5 creme testate aveva squalano derivato dallo squalo. Lo stesso studio ha rivelato che più della metà dei marchi di bellezza asiatici (circa il 53%) utilizzava squalano di squalo, mentre la maggior parte dei marchi occidentali si è gradualmente allontanata da esso. Purtroppo, non abbiamo studi recentissimi che mostrino esattamente quanto squalano di squalo sia ancora presente nei nostri prodotti.



Quali sono le Preoccupazioni Etiche?


Parliamo del lato etico dello squalano derivato dagli squali, e onestamente, è un po' scioccante.


Storicamente, lo squalano proveniva dall'olio di fegato di squalo, e questo ha avuto un impatto molto duro sulle popolazioni di squali. Pensate a questo: uno studio della BLOOM Association del 2012 ha riferito che ben 2,7 milioni di squali di profondità vengono uccisi ogni anno solo per i cosmetici. E il 90% della produzione mondiale di olio di fegato di squalo viene impiegata proprio per la cosmetica. Gli squali di profondità sono particolarmente presi di mira perché i loro fegati sono enormi – per essere precisi, fino al 20% del loro peso corporeo. E questi squali sono pescati in modo così intensivo che gli scienziati dicono che non dovremmo pescarli affatto (Axiology).



Spremitura di fegato di squalo: una realtà crudele e non etica nei cosmetici


Il modo in cui si ottiene lo squalano è poi piuttosto crudele. I pescatori spesso prendono solo il fegato dello squalo e gettano il resto dello squalo nell'oceano – una pratica nota come "livering degli squali". È terribile solo al pensiero, e ricorda la pratica dello spinnamento degli squali (Patel et al., 2022).


Però gli squali hanno un ruolo fondamentale per l’equilibrio ecologico marino: gli squali sono predatori al vertice della catena alimentare, i grandi capi dell'oceano. Mantengono tutto sotto controllo, dai pesci sotto di loro alla salute delle barriere coralline e degli habitat marini. Senza gli squali, l'intero ecosistema oceanico potrebbe andare in tilt (Fisher Scientific).



Quali sono le Alternative Vegane?


Fortunatamente, c'è una luce in fondo al tunnel. Il settore cosmetico sta prendendo coscienza e si sta orientando verso lo squalano di origine vegetale. Stiamo parlando di fonti come le olive (le più popolari), il seme di amaranto, la canna da zucchero, il germe di riso e il germe di grano. La cosa interessante è che lo squalano derivato dalle piante offre tutti gli stessi benefici per la pelle, ma senza il fardello della crudeltà animale e delle questioni ambientali ed etiche (Axiology).


Solo un avvertimento, però: anche se l'UE ha preso provvedimenti per vietare le pescherie di squali di profondità nel 2010, non ci sono requisiti legali di etichettatura che obblighino le aziende a specificare da dove proviene il loro squalano. Questo significa che le etichette non ci dicono sempre se lo squalano proviene da piante o animali. Quindi, nella maggior parte dei casi, ci resta il dubbio se sia di origine vegetale o derivato dagli squali (Cosmetics Design, 2014). Tenetelo bene a mente quando scegliete il vostro prossimo prodotto di skincare!



Carminio / Acido Carminico / Cocciniglia / CI 75470 / E120 / Rosso Naturale 4




Cos'è?


Parliamo del carminio – quel colorante rosso vibrante che vedete in molti rossetti, blush e ombretti. Questo colorante è noto per la sua intensità e durata, e la gente ama il fatto che sia un'opzione 'naturale' rispetto ai colori sintetici. Ma ecco la verità: sapete da dove viene effettivamente il carminio?


Primo piano di rossetto rosso, con carminio da insetti, eticamente discutibile

Sorpresa – è fatto con insetti femmina della cocciniglia. Sì, insetti! Questi piccoli insetti si trovano sui cactus in America Latina e sono il segreto dietro quel pigmento rosso ricco e vibrante (Incidecoder). Per i musulmani, il carminio è considerato non halal poiché il consumo e l'uso di insetti e dei loro coloranti derivati non sono permessi (Islam QA).



Quali sono le Preoccupazioni Etiche?


Ora, approfondiamo come viene prodotto il carminio. Il processo di trasformazione degli insetti della cocciniglia in colorante è piuttosto intricato e, francamente, un po' inquietante. Dopo aver raccolto gli insetti della cocciniglia (o raccogliendoli dai cactus selvatici o allevandoli), la maggior parte viene uccisa per la produzione del colorante. Vengono immersi in acqua calda, esposti alla luce solare, cotti a vapore o essiccati al caldo. Il metodo utilizzato influisce sul colore del colorante, adattato per soddisfare specifiche richieste di colore sul mercato. Dopo l'uccisione, questi insetti vengono essiccati fino a circa il 30% del loro peso corporeo, macinati e poi l'acido carminico viene estratto per produrre il colorante (Rowe, 2020).


Ora, parliamo di numeri. Sapevate che ci vogliono circa 100.000 di questi piccoli insetti della cocciniglia per fare solo 1 kg di cocciniglia essiccata - 1.000 per un singolo rossetto? E ogni anno, da 22 miliardi a 89 miliardi di femmine adulte di cocciniglia vengono uccise per produrre il carminio. Un po’ troppi insetti solo per quel colore rosso vibrante nel nostro trucco, vero?


Ma non si tratta solo dei numeri. L'allevamento su larga scala di questi insetti per il carminio può interferire con gli ecosistemi e le comunità locali (The Skynth Research, 2023). E c'è dell’altro: il carminio può anche influenzare la salute delle persone. La ricerca mostra infatti che l'esposizione al carminio può portare a reazioni gravi come allergie severe, asma e persino shock anafilattico.



Quali sono le Alternative Vegane?


Quindi, ci sono alternative vegane al carminio? Assolutamente, e sono fantastiche.


Cominciamo con le meraviglie della natura. La barbabietola è un fantastico colorante naturale, che ci regala quel rosso vibrante, mentre il licopene, presente nei pomodori e in altri frutti rossi, funge da fantastico colorante naturale. E avete sentito parlare della patata dolce Hansen™? Questa piccola gemma è il risultato di un percorso di selezione selettiva di 10 anni ed è un'alternativa rossa naturale fantastica al carminio.


Ma aspettate, c'è di più: il mondo della biotecnologia sta portando sul tavolo delle cose davvero interessanti. Alcuni scienziati stanno lavorando alla fermentazione di batteri appositamente ingegnerizzati per creare un colorante sostenibile ed etico (Yang et al., 2021). E poi c'è tutto il mondo dei funghi. Aziende come Chromologics usano funghi per creare un'alternativa al carminio, e lasciatemi dire, questa è una vera rivoluzione etica nel mondo della cosmesi.



Conclusione: Verso una Bellezza Consapevole



Concludendo, ricordate che essere dei consumatori informati è fondamentale. Immergetevi nella ricerca di marchi e prodotti vegani: c'è un tesoro di informazioni là fuori. Imparate a leggere e riconoscere le etichette e le certificazioni che contrassegnano un prodotto come vegano e cruelty-free, ma tenete presente che "cruelty-free" non significa sempre "vegano" (leggete qui per capire bene le differenze). Educare voi stessə sugli ingredienti di origine animale comuni e le loro alternative vegane vi dà il potere di fare scelte consapevoli. E non dimenticate, i gruppi e le community online sono risorse fantastiche per raccomandazioni e supporto.


Rimanendo informati e vigili, potete navigare nel mondo della cosmetica in un modo che si allinea con i vostri valori etici e sostenibili. E non c’è niente di più bello!




Donna ridente con testa rasata, allegria simbolo di scelte di bellezza vegan informate


Domande frequenti


A cosa serve la lanolina?


La lanolina, nota anche come cera di lana, è utilizzata nel mondo della cosmesi per le sue proprietà idratanti, emulsionanti e detergenti. È comune in prodotti come balsami per le labbra, lozioni e shampoo, dove aiuta a trattenere l'umidità e a dare morbidezza alla pelle.



Come viene estratta la lanolina?


La lanolina viene raccolta dalla lana delle pecore. Dopo la tosatura, la lana viene messa in una macchina centrifuga che separa la cera di lana dal resto.



A cosa serve il collagene nei cosmetici?


Nei cosmetici, il collagene è usato principalmente come umettante e idratante.



Dove si ricava il collagene?


Il collagene nei prodotti cosmetici è prevalentemente di origine animale, derivato da parti come la pelle e le ossa di mucche, maiali, pesci e altri animali marini.



Cos'è il collagene vegetale?


Il collagene vegetale è una forma di collagene prodotta tramite biotecnologia, utilizzando lieviti e batteri. È una nuova alternativa sul mercato che offre gli stessi benefici del collagene tradizionale senza le problematiche etiche e ambientali associate alla sua versione animale.



Quali sono i benefici della gelatina?


La gelatina, derivata dal collagene animale, è scelta per le sue proprietà gelificanti e leganti. È utilizzata in vari prodotti cosmetici, come quelli cremosi e per la cura dei capelli, per la sua capacità di creare consistenze desiderate.



Dove si può trovare la gelatina?


Tradizionalmente, la gelatina è derivata da mucche o maiali, ma è sempre più prodotta anche da pesci. Si trova in prodotti di bellezza dove serve a gelificare e legare gli ingredienti.



A cosa serve lo squalano?


Lo squalano è apprezzato per le sue eccezionali proprietà idratanti e la sua capacità di imitare gli oli naturali della pelle. È utilizzato in vari prodotti di skincare ed è adatto a tutti i tipi di pelle, inclusa quella sensibile e incline all'acne.



Come si ottiene lo squalano?


Storicamente, lo squalano veniva estratto dall'olio di fegato di squalo. Tuttavia, a causa delle preoccupazioni etiche e ambientali, il settore cosmetico si sta orientando verso lo squalano di origine vegetale, derivato da fonti come le olive, il seme di amaranto, la canna da zucchero, il germe di riso e il germe di grano.



Come si fa il rosso carminio?


Il carminio è un colorante rosso vibrante ottenuto dagli insetti femmina della cocciniglia. Questi insetti vengono raccolti, uccisi (tramite immersione in acqua calda, esposizione alla luce solare, cottura a vapore o essiccazione al caldo), essiccati, macinati e poi l'acido carminico viene estratto per produrre il colorante.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント

5つ星のうち0と評価されています。
まだ評価がありません

評価を追加
bottom of page