top of page

Storia di Resilienza: Megan e il Cancro al Seno a 20 Anni




Megan Carley, una studentessa di graphic design presso MA Publishing a Londra, parla qui della sua esperienza di avere il cancro al seno nei suoi primi anni venti.

Megan ed io ci siamo conosciute l'anno scorso durante il nostro Master in Editoria a Londra. In quel periodo, tra antichi libri e riviste contemporanee, le nostre chiacchierate spaziavano dai percorsi professionali nel design editoriale a tematiche relative al cancro - un tema che mi tocca profondamente, avendo avuto un fibroblastoma in passato. È un onore condividere la storia di Megan qui, per sensibilizzare e ispirare gli altri attraverso la sua testimonianza di resilienza mentre affrontava le sfide del cancro al seno nei suoi primi vent'anni.


– Mirta 



Puoi raccontare il tuo percorso personale attraverso il cancro al seno, inclusa la diagnosi e le tue emozioni nel ricevere tale notizia?


Sono stata diagnosticata con cancro al seno di stadio 2B nel mio seno sinistro nell'ottobre 2021. Tutto è iniziato con la scoperta di un nodulo che era rosso e caldo al tatto. Normalmente i tumori non sono dolorosi, ma questo lo era, così ho pensato fosse una cisti, ma si è rivelato qualcosa di più grave. Fortunatamente, l'ho scoperto molto presto, il che ha reso più semplice un trattamento rapido. Ho ricevuto la chiamata la mattina di una gita con i miei genitori e mia nonna nel Lake District, cosa non ideale poiché per tutto il viaggio ho sentito i miei parenti in preda al panico. Mi ci è voluto un po' per metabolizzare la notizia, poiché inizialmente mi sono concentrata più sugli aspetti pratici, come informare i tutor essendo una studentessa universitaria, parlare con i medici e pianificare i passi successivi. Solo qualche settimana dopo, l'emozione ha avuto il sopravvento. Tuttavia, sono molto grata per la diagnosi precoce e per l'efficienza del sistema sanitario nazionale inglese (NHS) nel fornire il trattamento.



Il cancro al seno può influire profondamente sull'immagine corporea e sull'autostima di una donna. Come hai gestito questi cambiamenti, e quali consigli hai per altre donne che affrontano sfide simili?


Il cancro era presente in un solo seno, quindi scherzavo dicendo che avevo un seno funky e la sua graziosa sorellina. Ho faticato un po’ con il suo aspetto post-operatorio, a causa della grande cicatrice e della forma irregolare. Sono molto fortunata ad aver avuto solo una cicatrice e a poter conservare il seno, quindi è difficile dare consigli a donne che hanno affrontato situazioni peggiori. Ma dirò che un seno è sostituibile, tu no. L'aspetto del tuo seno o della tua pelle non definisce chi sei come persona. Ogni volta che guardo la mia cicatrice, mi ricorda quando ero al punto più basso, ma anche al mio più forte. Ho sconfitto il cancro, e chiunque deve ricordare quanto questa sia una dimostrazione di forza.



In alcuni casi, le donne che hanno subito una mastectomia possono sentirsi discriminate o stigmatizzate a causa del loro aspetto. Hai mai sperimentato discriminazione o pregiudizio, e come hai reagito?


Sono stata molto fortunata a non ricevere alcun trattamento discriminatorio o pregiudizievole, né io né altre donne che conosco. Dalla mia esperienza, le persone rispettano molto la tua sfera personale e ti aiutano sempre nel momento del bisogno. Lavoro e università sono stati nel mio caso molto accomodanti: sapevo che avrei potuto parlare apertamente con loro colleghi, compagni di università e tutor ogni volta che ne avessi avuto bisogno.


IG Lebubè informa: '30% dei casi di cancro sono da seno' - Megan Carley sensibilizza.


La consapevolezza e la diagnosi precoce sono cruciali per il trattamento del cancro al seno. Quali consigli daresti alle donne riguardo gli screening regolari e l’auto-palpazione?


Controlla il tuo seno ogni volta che sei sotto la doccia o in vasca. L'acqua calda rende l'esperienza più rilassante, magari usa un olio e fai un controllo accurato. Non è qualcosa di spaventoso, e dovrebbe essere parte della tua routine quotidiana. Nel Regno Unito, i pap test non sono disponibili fino ai 25 anni, il che è frustrante (attualmente ho 22 anni), ma non appena raggiungi quell'età, è fondamentale farli regolarmente. Un’auto-palpazione richede meno di 5 minuti e potrebbe salvarti la vita. Non c’è niente di assolutamente spaventoso. È meraviglioso che possiamo eseguire questi controlli a casa, in un ambiente sicuro, senza la supervisione di professionisti.



Lebubè's IG quote by Megan Carley, a mastectomy image says 'A boob is replaceable, you are not'.

Avendo affrontato il cancro al seno, quale messaggio vorresti trasmettere ad altre donne che potrebbero trovarsi in una diagnosi o in un trattamento simile?

Non sei sola. Sono stata diagnosticata a 20 anni, durante il mio secondo anno di università, e mi sentivo molto sola poiché mi dicevano sempre che ero 'troppo giovane per avere il cancro'. Tuttavia, ci sono molte app e gruppi dove puoi parlare con donne che stanno attraversando la stessa situazione. Ho trovato un gruppo di donne che avevano avuto il cancro nei loro vent'anni, e questo mi ha aiutato molto poiché mi sono sentita connessa a loro. Nonostante la diversità del nostro cancro, condividevamo la stessa storia, il che era di grande aiuto. Non fate come ho fatto io: ho sempre cercato di nascondere che stavo bene quando non lo ero. Non ho chiesto quanto aiuto avrei avuto bisogno, e questo è il mio più grande rimpianto. Mi sentivo una fallita, ma guardandomi indietro, ero la più forte che fossi mai stata. Ricodatevi sempre questo: siete forti e potete sempre chiedere aiuto.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page