top of page

Creme Solari Minerali vs. Chimiche: Le Differenze




La crema solare: tuttə ne abbiamo sentito parlare e tuttə dovremmo usarla. Ma quanto conosciamo realmente di ciò che applichiamo sulla nostra pelle per proteggerla dal sole?


Donna seduta sulla spiaggia, che simboleggia l'importanza della protezione solare, con una bottiglia di crema solare minerale nelle vicinanze.

Nell'articolo di oggi, ci immergeremo nel mondo delle creme solari minerali, prodotti che stanno riscuotendo un crescente interesse nell'ambito della skincare e non solo. Scopriremo tutto ciò che c'è da conoscere su queste creme: i vantaggi, i luoghi comuni da sfatare, le principali differenze rispetto ai prodotti solari chimici e persino una panoramica sui migliori prodotti attualmente disponibili.


Perciò, sia che tu stia muovendo i primi passi nel mondo della cura della pelle, sia che tu sia unə verə e propriə espertə, continua a leggere. Potresti scoprire qualcosa di nuovo.



Prendere il Sole? I Rischi di Non Mettere la Crema Solare


È una sensazione che moltə di noi hanno provato - quella pelle arrossata e dolorante dopo un'intera giornata trascorsa sotto il sole senza una protezione adeguata. Non si tratta solo di un fastidio: è il segnale di un danno a livello cellulare causato dai raggi ultravioletti (UV) del sole. Tuttavia, l'arrossamento è solo un sintomo superficiale dei pericoli di evitare la crema solare.


Esporsi troppo a lungo ai raggi UV può dar luogo a complicazioni ben più gravi.

Una di queste è l'invecchiamento precoce, o foto-invecchiamento, che comporta la comparsa di rughe, macchie dovute al sole e una pelle ruvida, tutto ciò a causa della compromissione del collagene nella pelle da parte delle radiazioni UV. È stato stimato che il 90% dei segni dell'invecchiamento cutaneo sia dovuto all'esposizione solare (Skin Cancer Foundation, 2019). Ancora più preoccupante, i raggi UV sono tra le principali cause di cancro della pelle, compreso il melanoma, la forma più mortale di tutte. Un'indagine condotta nel Regno Unito ha evidenziato che ben l'86% dei melanomi è direttamente legato all'esposizione ai raggi UV. Non solo, i raggi UV sono anche responsabili di serie lesioni agli occhi, tra cui cataratta, degenerazione maculare, ustioni della cornea e tumori dell'occhio (Skin Cancer Foundation).


Sorprendentemente, anche in giorni miti, nuvolosi o ventosi, i raggi UV possono raggiungere e danneggiare la tua pelle. Anche se le nuvole riescono a filtrare parte di questa radiazione, oltre il 90% dei raggi UV è in grado di penetrare attraverso uno strato nuvoloso leggero, provocando scottature. Elementi come la neve, la sabbia e l'acqua riflettono e amplificano i raggi nocivi, rendendo le scottature ancora più probabili (Cancer Research UK).


Ecco perché la crema solare è così cruciale, in particolare le versioni a largo spettro come le creme solari minerali. Applicandola, fornisci alla tua pelle una barriera che assorbe, riflette o disperde i raggi solari, minimizzando drasticamente il rischio di danni da esposizione al sole.



Il Dilemma della Crema Solare: Minerale vs Chimica


Nel contesto della protezione solare, probabilmente avrai sentito i termini 'minerale' e 'chimico'. Ma cosa significano esattamente questi termini e in che modo influiscono sulla tua protezione dal sole? Vediamolo insieme!



Differenza #1: Composizione e Interazione con i Raggi UV

La distinzione fondamentale tra creme solari minerali (o "fisiche") e chimiche sta nel modo in cui interagiscono con i raggi solari. Le creme solari chimiche assorbono i raggi UV, agendo come una spugna. Al contrario, le creme solari minerali agiscono come un barriera, posizionandosi sulla superficie della pelle e riflettendo i raggi UV (American Academy of Dermatology Association).


La differenza nella gestione dei raggi UV tra queste due tipologie di creme solari può essere meglio compresa studiando i loro ingredienti. Le creme solari chimiche, o organiche, contengono composti organici come ossibenzone, avobenzone, octisalato, octocrilene, omosalato e ottinoxato. Questi composti reagiscono chimicamente con i raggi UV trasformandoli in calore, che viene successivamente rilasciato dalla pelle. Al contrario, le creme solari minerali sono formulate con due ingredienti chiave: ossido di zinco e biossido di titanio. Essi creano uno strato protettivo sulla pelle (Everyday Health, 2021).




Primo piano di bottiglia di protezione solare minerale sulla spiaggia sabbiosa, sottolineando il ruolo essenziale della protezione UV durante l'esposizione al sole.


Prima di analizzare più a fondo questi minerali, è bene ricapitolare alcune nozioni fondamentali relative alla radiazione UV.


I raggi UV sono parte dell'energia naturale prodotta dal sole. Sullo spettro elettromagnetico, essi si collocano tra la luce visibile e i raggi X e sono suddivisi in UVA, UVB e UVC. Gli UVA possono causare un invecchiamento precoce della pelle, mentre gli UVB possono scottarla.

Gli UVA rappresentano la maggior parte della radiazione solare che raggiunge la Terra. 

Sono meno intensi dei raggi UVB ma sono più diffusi, rappresentando fino al 95% della radiazione UV che raggiunge la Terra. Essi penetrano profondamente nella pelle e sono principalmente responsabili dell'invecchiamento prematuro e della formazione di rughe (foto-invecchiamento). Studi degli ultimi due decenni mostrano che gli UVA danneggiano le cellule della pelle allo strato basale della pelle, dove si verificano la maggior parte dei tumori della pelle.

Gli UVB, invece, danneggiano gli strati esterni della pelle e sono la principale causa delle scottature.

L'intensità dei raggi UVB varia a seconda della stagione, della posizione e dell'ora del giorno, con le ore di punta tra le 10:00 e le 16:00. La pelle scottata dal sole può anche essere un segno che c'è stato un danno al DNA della pelle, che può portare al cancro della pelle. I raggi UVB non penetrano significativamente il vetro (Skin Cancer Foundation).

I raggi UVC sono invece bloccati dallo strato di ozono terrestre.


Sia gli UVA che gli UVB possono causare melanoma, la forma di cancro della pelle più pericolosa (Cancer Council NSW). Questo rende fondamentale l'utilizzo di una crema solare a largo spettro, in grado di proteggere sia dai raggi UVA che UVB.


Le creme solari minerali assicurano una protezione a largo spettro grazie ai loro ingredienti, in particolare l'ossido di zinco e il biossido di titanio. Sono minerali presenti in natura, derivati da materiali gessosi che sono benefici nel riflettere i raggi del sole (Livestrong). L'ossido di zinco è un protettore a largo spettro, il che significa che protegge la tua pelle sia dai raggi UVA che UVB. L'ossido di zinco è particolarmente efficace nel range UVA. Il biossido di titanio, invece, è più efficace nel bloccare i raggi UVB. Quando combinato con l'ossido di zinco, questi due ingredienti assicurano una protezione UV a banda larga (National Center for Biotechnology Information, 2011).


La maggior parte delle creme solari chimiche sul mercato offrono anche una protezione a largo spettro poiché sono comunemente formulate utilizzando una miscela di ingredienti. Infatti, i singoli composti chimici tendono a non offrire una copertura a largo spettro se usati da soli (Cetaphil). In ogni caso, quando acquisti una crema solare chimica, ti suggeriamo di cercare una che sia elencata come "a largo spettro".


In sintesi, in termini di protezione solare, non c'è un chiaro vincitore. Come afferma la dermatologa Nananamibia Duffy, M.D., "La crema solare più efficace è quella che usi", sottolineando che l'efficacia di ogni crema solare (purché sia una lozione a largo spettro con 30+) dipende dal suo uso costante (Healthline).



Differenza #2: Implicazioni sulla Salute


Dato che molti dei componenti chimici presenti nelle lozioni solari chimiche possono permeare la pelle, emergono dubbi legati sia all'irritazione cutanea che ad altri possibili impatti sulla salute. La FDA ha richiesto dati aggiuntivi relativi alla sicurezza di 12 principi attivi spesso contenuti in queste lozioni solari (Everyday Health).


A boy wearing sunscreen, as he is aware of sun damage, photoaging and melanoma, and how it is important to stay protected from sun rays.

Per citarne alcuni, l'ossibenzone è riconosciuto per la sua capacità di interferire con il sistema ormonale e di provocare reazioni allergiche. Ricerche recenti indicano un suo possibile legame con l'aumento del rischio di tumore al seno ed endometriosi. L'ottinoxato, altro componente frequente, può scatenare reazioni allergiche se esposto ai raggi UV e influenzare la secrezione di ormoni tiroidei e altre funzioni endocrine (EWG).


Al contrario, l'ossido di zinco e il biossido di titanio sono classificati dalla FDA come sicuri ed efficaci. Tali sostanze vengono spesso utilizzati in forma di nanoparticelle per ottimizzare la loro applicazione e protezione. Anche se tali particelle non attraversano la barriera cutanea, alcune ricerche indicano che una porzione ridotta di ossido di zinco e biossido di titanio possa dissolversi nella formulazione e, una volta a contatto con la pelle, una parte di questa possa venire assorbita (EWG). Il Comitato Scientifico sulla Sicurezza dei Consumatori (SCCS) dell'UE sottolinea che, sebbene le nanoparticelle di ossido di zinco non attraversino la pelle, si registra un minimo assorbimento di zinco. Questo, presumibilmente in forma ionica, potrebbe alterare l'equilibrio di zinco nell'organismo. È doveroso menzionare che le indagini sulle lozioni solari a base minerale, in particolare quelle con nanoparticelle, sono tuttora in corso e serve ulteriore ricerca per valutarne i potenziali rischi.


Detto ciò, le formulazioni minerali hanno minori chance di provocare irritazioni, risultando ideali per chi ha pelle delicata. "Le persone con pelle sensibile potrebbero percepire le lozioni solari minerali come meno aggressive rispetto a quelle chimiche", afferma Akis Ntonos, infermiere esperto in dermatologia e co-fondatore di Aion Aesthetics a New York. "In generale, le lozioni minerali sono meno propense a causare reazioni allergiche, anche se la reazione varia a seconda dell'individuo." (CNN, 2023). Inoltre, le varianti minerali sono spesso non comedogene e anti-infiammatorie, ideali per chi ha tendenza all'acne. L'ossido di zinco può addirittura risultare benefico nella cura dell'acne (Byrdie, 2023; Skin Software).



Donna sicura di sé che entra nel mare limpido, protetto da una protezione solare minerale eco-friendly, simboleggiando una miscela di bellezza e cura ambientale.

Differenza #3: Modalità di Applicazione


Le lozioni solari a base minerale possono avere una consistenza più densa e potrebbero lasciare una patina bianca sulla pelle, anche se molte delle versioni più moderne sono state progettate per ridurre questo effetto. Le varianti chimiche, invece, sono più leggere e si distribuiscono facilmente sulla pelle senza lasciare tracce bianche, il che le rende particolarmente apprezzate per un uso quotidiano e nelle formulazioni spray (CNET). Detto ciò, sono state introdotte sul mercato nuove varianti minerali che non sono untuose e che contengono ossido di zinco e biossido di titanio con una leggera tinta, come ad esempio la Babo Botanicals Sheer Mineral Sunscreen Lotion SFP50.



Un vantaggio delle lozioni solari minerali è che offrono protezione immediatamente dopo l'applicazione, mentre quelle chimiche necessitano di un periodo di circa 20-30 minuti prima di diventare efficaci (Health, 2023). Ciononostante, le formule minerali non garantiscono sempre una resistenza all'acqua equivalente a quelle chimiche, rendendo necessaria una ri-applicazione più frequente (Healthline).


Crema Solare al Mare: L'Impatto Ambientale delle Creme Solari Chimiche e Minerali



Se da un lato abbiamo analizzato i vantaggi delle creme solari per la pelle, dall'altro non possiamo ignorare il loro effetto sull'ambiente che ci circonda. La discussione sull'eco-compatibilità delle creme solari si articola principalmente intorno a due categorie: quelle chimiche e quelle minerali, queste ultime divise tra nanoparticelle e particelle di dimensioni maggiori.


Le creme solari chimiche, sebbene efficaci nel proteggere la nostra pelle, si sono rivelate dannose per gli ecosistemi marini. Sostanze come l'ossibenzone e l'ottinoxato possono provocare lo sbiancamento dei coralli e risultano tossiche per le specie marine. Questi elementi chimici, con il tempo, possono accumularsi negli ambienti acquatici, causando danni ecologici a lungo termine (National Ocean Service).


Le creme solari minerali vengono spesso promosse come un'alternativa più sostenibile. Queste agiscono formando una barriera sulla pelle che riflette i raggi UV, al contrario delle creme solari chimiche che li assorbono. La questione, tuttavia, si complica quando si entra nel dettaglio delle dimensioni di questi minerali.

Numerose creme solari minerali ricorrono a nanoparticelle di ossido di zinco e biossido di titanio per evitare il noto effetto biancastro che questi componenti possono lasciare. Tuttavia, studi recenti indicano che tali nanoparticelle potrebbero nuocere agli organismi marini. Queste, infatti, potrebbero essere assimilate dai coralli e da altre specie marine, causando potenziali danni (1 Million Women, 2021; Ecotoxicology, 2022). Al contrario, le creme solari minerali che non utilizzano nanoparticelle contengono particelle di dimensioni superiori, le quali sono meno inclini ad essere ingerite dalla fauna marina. Anche se potrebbero rendere la pelle leggermente più bianca, rappresentano generalmente la scelta più rispettosa dell'ecosistema (Earth.org).



Uomo atletico che si tuffa energicamente in acque incontaminate, incarnando la libertà e la gioia delle attività all'aria aperta protette dal sole.


Pur essendo difficile trovare creme solari totalmente prive di impatti ambientali, alcune opzioni sono indubbiamente migliori di altre. Al momento, le creme solari minerali senza nanoparticelle appaiono come la soluzione ecologicamente più consapevole. In quanto consumatori e membri di una comunità globale, è nostro dovere trovare un equilibrio tra la necessità di proteggerci dal sole e quella di preservare l'ambiente.



Eco-compatibilità e Protezione Solare: Le Migliori Creme Solari Minerali Non-Nano del 2023


Vuoi proteggere la tua pelle dal sole? Perfetto, hai tutto il mio apprezzamento! E se vuoi proteggere anche i nostri mari, ti meriti un applauso ancora più grande. Ma come fare a scegliere una crema solare che soddisfi entrambe queste esigenze? Ecco a te una soluzione. Di seguito, ti presento otto marchi che propongono creme solari minerali non-nano, tutte rinomate per il loro forte impegno verso la sostenibilità:



  • Suntribe: Un brand svedese che propone creme solari "senza sorprese", completamente prive di sostanze chimiche sintetiche e additivi superflui.

  • Sol de Ibiza: Offre creme solari minerali biologiche confezionate in un packaging senza plastica, completamente zero waste.

  • Naif: Questa linea propone creme solari minerali vegan, rispettose sia della pelle che dell'ambiente.

  • PURU: Marchio svizzero noto per le sue creme solari 100% naturali.

  • Raw Love Sunscreen: Azienda hawaiana che produce creme solari minerali biodegradabili, rispettose dell'ambiente e sicure per i coralli.

  • SURFMUD: Nata in Australia con l'obiettivo di proteggere la pelle dei surfisti dagli intensi raggi solari.

  • Sun & Earth: Marchio australiano che offre creme solari a base di zinco biodegradabili e sicure per la vita marina.

  • People of the Earth: Offre creme solari minerali realizzate con ingredienti biologici e prive di sostanze chimiche nocive.

Ricorda, la migliore crema solare è quella che userai con costanza. Quindi, trova la tua crema solare ideale. Una che si adatti alla tua pelle, al tuo stile di vita e al tuo amore per Madre Terra. E non dimenticare, applicala come se la tua pelle ne dipendesse, perché, in effetti, è proprio così!



Domande frequenti


Cosa significa crema minerale?


La crema minerale è un tipo di crema solare che utilizza ingredienti minerali come ossido di zinco o diossido di titanio per riflettere i raggi UV lontano dalla pelle.



Qual è la differenza tra crema solare minerale e chimica?


Le creme solari minerali riflettono i raggi UV, mentre quelle chimiche assorbono i raggi UV e li trasformano in calore.



Qual è la crema solare migliore: minerale o chimica?


Non c'è una risposta univoca. Le creme solari minerali sono spesso preferite per pelli sensibili e per chi cerca ingredienti più naturali. Le creme solari chimiche possono offrire una protezione più ampia contro i raggi UVA e UVB.



Cosa contengono le creme solari chimiche?


Contengono composti chimici come avobenzone, octisalate, octocrylene, homosalate e octinoxate che assorbono i raggi UV.



Cosa contengono le creme solari minerali?


Contengono ossido di zinco o biossido di titanio che riflettono i raggi UV.



Cosa succede alla pelle se non si mette la crema solare?


Non proteggere la pelle può portare a scottature, invecchiamento precoce, danni al DNA delle cellule della pelle e aumentare il rischio di tumori della pelle.



Che danni fa il sole?


Il sole può causare scottature, invecchiamento precoce, danni al DNA, e aumentare il rischio di tumori della pelle.



Come il sole invecchia la pelle?


L'esposizione prolungata al sole può ridurre l'elasticità della pelle, causare rughe, macchie solari e altri segni di invecchiamento.



Qual è il tumore della pelle più pericoloso?


Il melanoma è il tipo di tumore della pelle più pericoloso.



Cosa si intende per raggi UV?


I raggi UV sono una forma di radiazione ultravioletta emessa dal sole.



Qual è la differenza tra raggi UVA, UVB e UVC?


I raggi UVA penetrano profondamente nella pelle e sono responsabili dell'invecchiamento precoce. I raggi UVB causano scottature. I raggi UVC sono i più dannosi, ma sono completamente assorbiti dall'atmosfera e non raggiungono la superficie terrestre.



Quali sono i raggi più dannosi?


I raggi UVC sono i più dannosi, ma non raggiungono la superficie terrestre. Tra quelli che ci raggiungono, i raggi UVB sono più dannosi in termini di causare scottature e contribuire al rischio di tumori della pelle.



Quante volte mettere la crema solare al giorno?


Bisogna riapplicare la crema solare ogni due ore, e dopo aver nuotato o sudato.



Quanto dura la crema solare?


La crema solare dovrebbe essere riapplicata ogni due ore per una protezione ottimale.



Cosa uccide i coralli?


Alcuni ingredienti nelle creme solari chimiche possono danneggiare i coralli. Le creme solari minerali sono considerate più sicure per i reef.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Opmerkingen

Beoordeeld met 0 uit 5 sterren.
Nog geen beoordelingen

Voeg een beoordeling toe
bottom of page