top of page

Skin Cycling: Ingredienti Alternati e Recupero per la Pelle






Nell'aprile 2021, la Dott.ssa Whitney Bowe, una dermatologa certificata, ha presentato al mondo una routine di skincare di quattro giorni che ha rapidamente catturato l'attenzione ed è diventata una tendenza significativa su TikTok (Allure, 2023). Questa scoperta ha portato lo "skin cycling" alla ribalta, scatenando conversazioni ed evocando interesse nelle comunità dedicate al beauty e oltre. Lo "skin cycling", molto più di una semplice tendenza, rappresenta un approccio equilibrato e straordinariamente semplice alla gestione degli ingredienti attivi e ai giorni fondamentali di riposo per la pelle. Spesso chiamato "rotational skincare" (cura della pelle basata sulla rotazione degli ingredienti attivi), questo metodo alterna con attenzione tra potenti ingredienti attivi e periodi dedicati al recupero, adattandosi ai cicli naturali di rigenerazione della nostra pelle.



Uomo applica esfoliante fai-da-te sul viso, dimostrando la tecnica skin cycling


Nelle sezioni a seguire, approfondiremo come funziona la routine dello "skin cycling", valuteremo i suoi possibili vantaggi e svantaggi, e analizzeremo come questo approccio metodico stia suscitando interesse sia tra gli specialisti dermatologi che tra gli appassionati di skincare.



Cos'è lo "Skin Cycling"?


Lo "skin cycling", letteralmente, rappresenta un approccio ciclico alla cura della pelle. Coinvolge la rotazione di diversi prodotti o ingredienti di skincare, solitamente seguendo un ciclo di quattro giorni, al fine di allinearsi e sostenere i processi naturali di rigenerazione e riparazione della pelle (Allure, 2023).

Non si tratta di sovraccaricare la pelle con una serie di ingredienti, ma piuttosto di creare una miscela armoniosa che si adatti alle esigenze naturali della nostra pelle e ai suoi cicli.



Il concetto non è completamente nuovo, anche se la sua recente popolarità, specialmente grazie alla divulgazione della Dott.ssa Whitney Bowe su Instagram e TikTok, ha riacceso l'interesse e la curiosità verso questo approccio. L'idea è quella di fornire cure mirate, permettendo alla pelle di beneficiare di vari ingredienti attivi senza stressarla eccessivamente. La Dott.ssa Bowe descrive lo "skin cycling" come "un approccio oculato alla tua routine serale di cura della pelle che ti incoraggia a utilizzare i prodotti in modo specifico per trarne i massimi benefici, riducendo al minimo le irritazioni non necessarie" (Cosmopolitan, 2023).



Essenziali per skin cycling: rullo di giada, gua sha, siero per esfoliare pelle morta
Essenziali per skin cycling: rullo di giada, gua sha, siero per esfoliare pelle morta.

Ma perché questo improvviso interesse? La pandemia ha visto un aumento del nostro interesse collettivo per la cura della pelle. Tuttavia, è emerso un comune dilemma: spesso mancava chiarezza su quali prodotti utilizzare e quando farlo. La tendenza a introdurre in fretta ogni nuovo ingrediente nelle nostre routine, senza riflettere sulle possibili interazioni con i prodotti già in uso, era molto diffusa. La Dott.ssa Bowe, con l'obiettivo di guidare i suoi pazienti verso un approccio più intelligente e strategico alla cura della pelle, ha lanciato lo "skin cycling". Il principio guida è semplice: "less is more" (Cosmopolitan, 2023).




Come Funziona lo "Skin Cycling"?


Lo "skin cycling", come spiegato dalla Dott.ssa Whitney Bowe, si articola in un ciclo di quattro notti, ognuna delle quali è dedicata a un aspetto specifico della cura della pelle, garantendo un equilibrio tra ingredienti attivi e fase di riposo (Allure, 2023). 



Notte 1: Esfoliazione

Il ciclo inizia con un trattamento esfoliante, atto a rimuovere delicatamente le cellule morte per una pelle più fresca e luminosa. Questo passaggio è cruciale perché permette ai prodotti successivi di penetrare in profondità, massimizzando la loro efficacia. Per la serata dell'esfoliazione, scegliete un esfoliante chimico (non fisico, come uno scrub) adatto al vostro tipo di pelle, come l'acido glicolico o l'acido lattico (AHA), o l'acido salicilico (BHA). Assicuratevi che il prodotto abbia un pH ed una concentrazione efficaci. Un esempio è la Soluzione Peeling AHA 30% + BHA 2% di The Ordinary, che funziona bene anche per la pelle a tendenza acneica come la mia.

Notte 2: Applicazione del Retinolo

Notti 3 e 4: Recupero e Nutrimento

E poi si ripete il ciclo!

È fondamentale utilizzare la protezione solare ogni mattina, poiché gli ingredienti attivi rendono la pelle più sensibile ai danni causati dal sole (Preventive, 2023). Sono sicura che ricorderete il mio articolo sulla crema solare minerale!

Ciò che rende lo "skin cycling" così interessante è la sua flessibilità. Nonostante il ciclo di quattro notti fornisca una struttura di base, non è rigido.


Ogni individuo può personalizzare e adattare il ciclo in base al proprio tipo di pelle e alle esigenze specifiche, estendendo le fasi di recupero o regolando gli ingredienti attivi utilizzati.

Donna con vitiligine sorride mostrando la sua bellezza naturale praticando skin cycling

Ad esempio, chi ha una pelle secca e matura potrebbe avere bisogno di più notti di recupero durante lo "skin cycling" e dovrebbe optare per prodotti con concentrazioni più basse di retinoidi o esfolianti chimici per evitare irritazioni. Per loro, niacinamide e vitamina C potrebbero essere alternative più delicate. D'altra parte, chi ha la pelle grassa e tendenza acneica potrebbe beneficiare di una routine di esfoliazione quotidiana senza irritazioni, utilizzando un tonico all'acido salicilico al mattino e un acido esfoliante potente, come l'acido glicolico, durante il ciclo notturno (Oprah Daily, 2022). Infine, per chi ha una pelle particolarmente sensibile o riscontra irritazioni, Shane Miller, un estetista con licenza e creatore del popolare account Instagram sulla cura della pelle @howtohydrate, suggerisce quanto segue:

  • Notte 1: Esfoliazione

  • Notti 2 e 3: Recupero

  • Notte 4: Applicazione del retinolo

  • Notti 5 e 6: Recupero (Rolling Stone, 2023).



I Benefici dello "Skin Cycling"


I benefici dello "skin cycling" sono altrettanto vari quanto impattanti, in sintonia con i cicli rigenerativi intrinseci della pelle e atti ad offrire una strategia di skincare strutturata ma flessibile.


Minimizzazione dell'irritazione cutanea:

La rotazione di prodotti e ingredienti e l'assicurazione di periodi di recupero designati contribuiscono attivamente a ridurre al minimo l'irritazione cutanea, diminuendo la probabilità di rossore e desquamazione spesso associati all'esposizione continua a potenti ingredienti attivi per la cura della pelle, come esfolianti e retinolo (Allure, 2023).

Aumento dell'efficacia degli ingredienti attivi:

La rotazione metodica di ingredienti attivi per la cura della pelle e i periodi di recupero assicurano che ciascun ingrediente, dall'acido ialuronico al retinolo, venga utilizzato al massimo del suo potenziale, aumentando l'efficacia generale e i benefici per la pelle (Harper’s Bazaar, 2022).

Riparazione della barriera cutanea:

Una robusta barriera cutanea è cruciale. Essa protegge la pelle dalla presenza di infezioni, sostanze chimiche aggressive e allergeni. La ricerca indica che una barriera cutanea compromessa può influenzare i sintomi in varie condizioni cutanee, dall'acne all'eczema (Indian Journal of Medical Research, 2018). Le notti di recupero prevista nello "skin cycling" possono contribuire a mitigare i danni potenziali causati da un'eccessiva esfoliazione e dai potenti retinoidi, aiutando così a mantenere e riparare la barriera cutanea.

Mitigazione degli effetti collaterali dei prodotti di cura della pelle:

Lo "skin cycling" mira a ridurre al minimo gli effetti collaterali degli ingredienti attivi regolamentandone l'uso. La Dott.ssa Debra Wattenberg, una dermatologa certificata a New York, sottolinea che ridurre la frequenza di utilizzo di un prodotto diminuisce inerentemente la probabilità di effetti collaterali. Tecniche come applicare il retinolo tra due strati di crema idratante sono raccomandate per minimizzare ulteriormente l'irritazione potenziale, garantendo che la pelle benefici degli ingredienti attivi senza stress eccessivo (Everyday Health, 2022).

Protezione contro le sfide stagionali:

Le notti di recupero sono particolarmente importanti durante le stagioni come l'autunno, in cui l'aria tende ad essere più secca e fresca. La Mayo Clinic sottolinea che queste condizioni climatiche possono peggiorare la secchezza cutanea e alcune condizioni cutanee come l'eczema. Lo "skin cycling", dando priorità all'idratazione e al recupero della pelle, potrebbe prevenire in modo preventivo la secchezza cutanea, preparando la pelle a gestire meglio gli elementi stagionali e a mantenere la sua salute e vitalità (Everyday Health, 2022).

Personalizzazione e adattabilità:



Potenziali Rischi nello "Skin Cycling"


Nonostante lo "skin cycling" sia stato elogiato per il suo approccio strutturato e amico della pelle, è imperativo affrontare i potenziali rischi che potrebbero emergere lungo il percorso.

  • Eccessiva esfoliazione: Anche con un approccio strutturato, c'è il rischio di una eccessiva esfoliazione, specialmente per individui con pelle sensibile o soggetta all'eczema. L'uso di esfolianti chimici, anche in una routine di "skin cycling", può potenzialmente portare a irritazione della pelle, secchezza e aumento della sensibilità se non adattati alla tolleranza individuale della pelle (Healthline, 2020).

  • Reazioni al retinolo: Il retinolo, sebbene celebrato per le sue proprietà di rinnovamento della pelle, può essere una spada a doppio taglio, specialmente per nuovi utenti o coloro con pelle sensibile o soggetta all'eczema. Rossore, desquamazione e secchezza sono effetti collaterali comuni, e l'incorporazione del retinolo in una routine di "skin cycling" richiede una considerazione attenta e una potenziale introduzione graduale per mitigare questi problemi (Allure, 2023).

Anziana pratica skin cycling, esaminando il viso allo specchio

La Dott.ssa Kseniya Kobets, direttrice di dermatologia cosmetica presso il Montefiore Einstein Advanced Care di Scarsdale, New York, suggerisce che le persone con pelle sensibile o soggetta all'eczema potrebbero inizialmente avere difficoltà a tollerare due ingredienti attivi in una sola settimana. Per coloro che si identificano in queste tipologie di pelle, raccomanda di iniziare il proprio percorso di "skin cycling" con un solo ingrediente attivo per diverse settimane. Una volta che la pelle si è abituata al primo ingrediente attivo, si può considerare l'introduzione del secondo nella routine (Allure, 2023).


Lo "skin cycling" richiede un approccio equilibrato, che garantisca non solo una routine strutturata ma anche attenta alle esigenze individuali, alla sua tolleranza e alla salute generale della pelle.

Dubbio Amletico: Adottare lo "Skin Cycling" oppure No?


Ora, la domanda cruciale: dovresti immergerti nel mondo dello "skin cycling"? La Dott.ssa Mona Gohara, dermatologa certificata a Hamden, Connecticut, suggerisce che coloro con pelle grassa o mista potrebbero trovare un alleato nel retinolo e negli esfolianti attraverso questo metodo. Tuttavia, una parola di cautela per gli individui dalle sensibili - come già accennato, ingredienti come il retinolo e gli esfolianti chimici potrebbero solo acuire l'irritazione.


La scelta degli ingredienti giusti è una questione personale, dipendente dal tuo tipo di pelle. Quindi, non esitare a parlare apertamente con il tuo dermatologo a riguardo. E se decidi di introdurre un esfoliante e/o il retinolo nella tua routine, ricorda queste parole dalla Dott.ssa Bowe: "Quando cerchi di migliorare la tua pelle usando acidi esfolianti e retinoidi ogni singolo giorno, potresti non rendertene nemmeno conto ma stai danneggiando la tua barriera cutanea" (Allure, 2023).


Che tu scelga o meno di intraprendere il percorso dello "skin cycling", le regole d'oro rimangono invariate: ascolta la tua pelle, proteggila con una buona protezione solare e mantienila costantemente idratata. Dopotutto, la vitalità della tua pelle è ciò che davvero conta.



Domande frequenti

Cos'è lo skin cycling in breve?


Lo skin cycling è un approccio alla cura della pelle che prevede il ricambio di diversi prodotti o attivi per la cura della pelle in un ciclo di quattro giorni, allineandosi ai cicli naturali di rigenerazione della pelle per una cura mirata.



Come funziona lo skin cycling?


Lo skin cycling si sviluppa su un ciclo di quattro notti, ognuna dedicata a un compito specifico per la cura della pelle: esfoliazione, applicazione del retinolo, e notti di recupero e nutrimento. Questo ciclo viene quindi ripetuto.



Quanti giorni dura un ciclo di skin cycling?


Un ciclo di skin cycling dura tipicamente quattro giorni, con ogni notte dedicata a uno specifico obiettivo per la cura della pelle.



Quanto dura lo skin cycling?


Lo skin cycling può essere una strategia di lungo termine per la cura della pelle, ma la sua durata è adattabile e può essere personalizzata in base alle specifiche esigenze individuali.



Chi ha introdotto il concetto di skin cycling?


Il concetto di skin cycling è stato introdotto dalla dottoressa Whitney Bowe, dermatologa certificata.



Quali sono i meccanismi dello skin cycling, compreso il ciclo di quattro notti?


Il ciclo di quattro notti nello skin cycling include:

  • Notte di esfoliazione

  • Notte di applicazione del retinolo

  • Notte di recupero e nutrimento (ripetuta per due notti)



Quali sono i vantaggi dello skin cycling?


I vantaggi dello skin cycling includono la riduzione dell'irritazione della pelle, il potenziamento dell'efficacia degli attivi per la cura della pelle, la riparazione della barriera cutanea, la mitigazione degli effetti collaterali negativi dei prodotti, la protezione contro le sfide stagionali e l'offerta di personalizzazione e adattabilità.



Quali sono gli effetti collaterali dello skin cycling?


Gli effetti collaterali potenziali dello skin cycling includono una possibile sovra-esfoliazione, specialmente per le persone con pelle sensibile, e reazioni al retinolo, come arrossamenti e secchezza.



Come possono le persone personalizzare e adattare la loro routine di skin cycling per soddisfare le loro specifiche esigenze?


Le persone possono personalizzare la loro routine di skin cycling modificando la durata delle fasi di recupero, adattando gli attivi utilizzati e prendendo in considerazione il loro tipo di pelle e la tolleranza individuale.



Lo skin cycling è adatto a tutti i tipi di pelle?


Lo skin cycling può essere adatto a vari tipi di pelle, ma si consiglia cautela per le persone con pelle sensibile, poiché alcuni ingredienti attivi potrebbero causare irritazione.



Lo skin cycling è consigliato?


Se lo skin cycling è consigliato o meno dipende dal tipo di pelle e dalle esigenze individuali. Si consiglia di consultare un dermatologo per determinare la fattibilità di questo approccio alla cura della pelle.

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires

Noté 0 étoile sur 5.
Pas encore de note

Ajouter une note
bottom of page