top of page

Abilismo e Stereotipi Abilisti nel Settore Cosmetico




Quante volte abbiamo percepito il mondo del beauty come un club esclusivo, accessibile solo a chi possiede il lasciapassare della 'perfezione'? Il settore della cosmesi può infatti rivelarsi un vero e proprio campo minato per chi non si riconosce negli standard di bellezza convenzionali, in particolare per le persone con disabilità. Non è solo una questione di quante sfumature e toni si possano trovare sugli scaffali, ma di quante sfumature di umanità vengono regolarmente ignorate.


Una ragazza in sedia a rotelle si gode la natura, simboleggiando accessibilità, indipendenza e design adattivo.

In vista della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, il 3 dicembre, è tempo di fare i conti con l'abilismo su cui si fonda gran parte del settore cosmetico. In questo articolo, ci proponiamo di gettare luce alle barriere nascoste all’inclusività e di sfidare quegli stereotipi che ci sembrano dire: "Non sei il benvenutə."


Il cambiamento sta proprio qui: la bellezza non è un lusso, è un diritto inalienabile. È giunto il momento che il settore cosmetico lo comprenda. Questo articolo non vuole essere solo un invito a riflettere, ma un vero e proprio grido di rivolta. È l'ora di abbattere l'abilismo, di dire basta alla discriminazione e di celebrare ogni volto, ogni forma, ogni bellezza senza etichette. Perché quando la bellezza si fa inclusiva, il mondo intero ne risplende.


Allora, affrontiamo l'abilismo senza filtri, mettiamo in discussione le norme e ridisegniamo il concetto e gli standard di bellezza, in modo che rispecchino la ricca diversità del nostro pianeta.




Comprendere la Disabilità: Al di là degli Stereotipi


La disabilità è un termine troppo spesso frainteso, avvolto da stereotipi o sminuito a un bisbiglio, quando invece merita di essere al centro di un dialogo aperto. Sediamoci e approfondiamo il vero significato di disabilità.



Che Cos’è la Disabilità?


La Convenzione per i Diritti delle Persone con Disabilità (CRPD), trattato delle Nazioni Unite sui diritti umani entrato in vigore nel 2008, ha dato una nuova forma al discorso sulla disabilità.


Secondo la CRPD,


le persone con disabilità sono quelle che presentano menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali di lungo periodo, le quali, interagendo con varie barriere, possono limitare la loro partecipazione attiva e paritaria nella società.

Questa definizione, contenuta nell'Articolo 1 della Convenzione, è un invito esplicito dell'ONU a riconoscere e rimuovere gli ostacoli che impediscono l'inclusione sociale.


L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) amplia ulteriormente questa visione, considerando la disabilità non solo come una condizione sanitaria, ma come un fenomeno sociale complesso, influenzato da fattori ambientali e personali. La disabilità, quindi, non è solo una questione medica, ma un intreccio di dinamiche che coinvolgono l'intera società.



Le Innumerevoli Sfaccettature della Disabilità


Pensate alla disabilità come a un continuum, un insieme di esperienze tanto diversificate quanto lo è l'essere umano. Dalle limitazioni fisiche a quelle sensoriali, dalle sfide cognitive ai problemi di salute mentale, ogni tipo di disabilità ha la sua storia, le sue sfide e i suoi punti di forza. Non è una questione di etichette standard, ma di percorsi personali, ognuno unico nel suo genere. Questa varietà contraddice la narrazione univoca che la società cerca spesso di imporre, ricordandoci che la disabilità di ogni persona è unica come le impronte digitali, ed è giunto il momento che la nostra comprensione si adegui a questa realtà.


Un atleta con disabilità sta facendo fitness, rappresentando l'inclusività, la diversità e come le persone con disabilità possono praticare lo sport.

Il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) offre una visione della disabilità che comprende limitazioni che influenzano la vista, il movimento, il pensiero, la memoria, l'apprendimento, la comunicazione, l'udito, la salute mentale e le relazioni sociali. Non ci sono due persone con la stessa disabilità che la vivono allo stesso modo, proprio come non ci sono due fiocchi di neve identici. Alcune disabilità sono visibili, altre, come le battaglie interne alla salute mentale o il dolore cronico, sono meno percepibili e portano con sé sfide invisibili.


Le disabilità possono essere innate, manifestarsi nell'infanzia o essere conseguenza di un trauma. Possono essere permanenti, come la perdita di un arto, o variabili, come nel caso della sclerosi multipla. Approfondendo il modello dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, la disabilità si rivela come un'esperienza a tre dimensioni: menomazioni, limitazioni nell'attività e restrizioni nella partecipazione.


Le menomazioni sono alterazioni delle capacità fisiche o mentali di una persona.

Potrebbero tradursi, per esempio, nell'assenza di un arto o in una ridotta acuità visiva.

Le limitazioni nell'attività si manifestano come difficoltà in azioni di base

come vedere, sentire, muoversi o in processi cognitivi come l'elaborazione di strategie o il prendere decisioni.

Le restrizioni nella partecipazione sono ostacoli che limitano l'ingresso nelle attività quotidiane,


Considerando queste tre dimensioni, emerge chiaramente quanto sia complessa l'interazione tra le condizioni individuali e l'ambiente circostante. Capire la menomazione è essenziale: non riguarda solo la mancanza di un arto o di un senso, ma come queste differenze incidono sulla vita di tutti i giorni. Il modello dell'OMS ci aiuta a comprendere meglio, distinguendo tra l'azione (fare) e la partecipazione (essere coinvolti). Una distinzione sottile, ma fondamentale, che sottolinea l'importanza di un ambiente che faciliti o ostacoli la piena partecipazione alla vita.



Una donna sulla sua sedia a rotelle sta posando per un ritratto, rappresentando la bellezza per tutte le abilità, diversità e inclusività.

Le Persone con Disabilità: La Minoranza più Numerosa al Mondo


I numeri parlano chiaro quando si tratta di comprendere l'entità della disabilità.


A livello globale, nel 2023, si stima che le disabilità tocchino circa 1,3 miliardi di persone, il che rappresenta circa il 16% della popolazione mondiale, ovvero uno su sei di noi, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Questa cifra imponente fa delle persone con disabilità la minoranza più numerosa del mondo, sottolineando l'urgenza di rispondere alle loro necessità e sfide per costruire una società realmente inclusiva.



Disuguaglianze e Persone con Disabilità


Affrontiamo la realtà delle disuguaglianze. Considerate questo dato allarmante: l'80% delle persone con disabilità vive nei paesi in via di sviluppo, dove la disabilità è spesso associata a povertà ed emarginazione. Questo legame porta a gravi difficoltà sociali, economiche e culturali.



L'OMS ci informa che le persone con disabilità possono avere un'aspettativa di vita fino a 20 anni inferiore rispetto a chi non ha disabilità. E se questo non fosse abbastanza sconvolgente, riflettete su questo: il rischio di sviluppare condizioni di salute come depressione, asma o diabete è doppio per chi ha disabilità. Ma non si tratta solo di salute. Ecco un dato difficile da digerire: l'accesso ai trasporti quotidiani può essere 15 volte più complicato per una persona con disabilità. Immaginate per un momento. Qualcosa di semplice come prendere un autobus per andare al lavoro o al supermercato diventa un'impresa erculea.



Alcune statistiche sulle persone con disabilità, mostrando poca inclusione


Le statistiche relative all'istruzione e all'occupazione delle persone con disabilità sono altrettanto impressionanti e preoccupanti. Secondo l'UNESCO, il 90% dei bambini con disabilità nei paesi in via di sviluppo non frequenta la scuola. Il tasso di alfabetizzazione degli adulti con disabilità crolla a solo il 3% a livello globale, con le donne in una posizione ancora peggiore, all'1%.


Nel campo dell'occupazione, i numeri sono altrettanto eloquenti. Secondo l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), nel 2022, a livello globale, il 70% delle persone con disabilità non era affatto inserito nel mercato del lavoro, né impiegato né in cerca attiva di occupazione. Questo tasso è nettamente superiore al 40% di inattività delle persone senza disabilità. La disparità è ancora più marcata per le donne con disabilità, che incontrano ostacoli moltiplicati a causa sia del genere che della disabilità. Negli Stati Uniti, un rapporto del 2022 del Bureau of Labor Statistics evidenzia la disparità occupazionale: solo il 21,3% delle persone in età lavorativa con disabilità è impiegato, in netto contrasto con il 65,4% dei loro omologhi non disabili.


Ora, diamo un'occhiata ai dati di Eurostat. Dipingono un quadro di povertà e disuguaglianze di reddito che colpiscono in modo sproporzionato chi ha disabilità. Nel 2021, la bilancia economica si è inclinata sfavorevolmente per gli europei con disabilità. Quasi il 30% di questa demografia si trovava sull'orlo della povertà o dell'esclusione sociale, in netto contrasto con il 18,8% degli individui senza disabilità che affrontavano sfide simili. Quando si trattava di far fronte alle spese quotidiane, più di un quarto degli europei con disabilità - esattamente il 25,7% - lottava per rimanere a galla finanziariamente, una lotta condivisa da una percentuale significativamente inferiore del 16,2% di coloro senza disabilità. Non è solo una lacuna; è un abisso. E non riguarda solo il denaro. Si tratta di dignità, opportunità e del diritto di partecipare pienamente alla società.


Queste non sono solo statistiche sconcertanti; sono le vite di persone reali. Sono un campanello d'allarme sulle barriere - fisiche, sociali e sistemiche - che devono essere abbattute. Si tratta di riconoscere le ingiustizie e agire per creare un mondo veramente inclusivo.



Specchio delle Mie Brame: Abilismo e Discriminazione nel Settore Cosmetico


Nel mondo della cosmetica, lo specchio ha sempre riflesso una visione piuttosto ristretta. Ha sempre raccontato la stessa vecchia storia: una narrazione di standard di bellezza che ha storicamente escluso una parte significativa della popolazione: le persone con disabilità. Non si tratta solo di non vedere persone con diverse abilità nelle pubblicità; si tratta dell'emarginazione sistematica di un'intera comunità, le cui narrazioni di bellezza sono altrettanto ricche e meritevoli di attenzione.



L'abilismo, la discriminazione a favore degli individui senza disabilità, è stato lo script non detto dietro questa narrazione (Access Living, 2019). È una storia che ha spesso reso invisibili le persone con disabilità nel settore cosmetico, rafforzando l'idea errata che bellezza e disabilità si escludano a vicenda. I "più bellə" sono stati tradizionalmente coloro che si conformano a un ideale ristretto e senza disabilità, e il settore cosmetico ha spesso trascurato il fatto che la bellezza si manifesta in tutte le sue forme. Di conseguenza, il settore cosmetico è intrinsecamente abilista.


L'ironia della situazione? Il settore che si fa paladina dell'"unicità" è stato promotore di tale esclusione. È giunto il momento di riscrivere la narrazione per sfidare l'abilismo e includere il caleidoscopio di bellezza che le persone con disabilità rappresentano.

Una donna lavora nell'industria della bellezza su una sedia a rotelle, contribuendo alla diversità e inclusione delle persone con disabilità.


Lo Spettro Invisibile: Le Implicazioni dell'Abilismo nel Settore Cosmetico


Le implicazioni dell'abilismo nel settore cosmetico sono profonde, dall'assenza di rappresentazione nei media e nella pubblicità alla mancanza di prodotti di bellezza accessibili. Questa esclusione non solo incide sull'autostima e sulla visibilità delle persone con disabilità, ma perpetua anche stereotipi obsoleti.


Inoltre, la mancanza di prodotti accessibili e di rappresentazione riflette le barriere abiliste sistemiche che continuano a persistere all'interno del settore. Quando le persone con disabilità sono incluse, è spesso in modo simbolico, un cenno superficiale alla diversità che non riconosce la profondità delle loro esperienze e l'ampiezza della loro bellezza.


L'assenza di persone con disabilità nelle campagne e nelle narrazioni di bellezza non è solo una svista; è una lacuna significativa nel mercato che riflette abilismo, discriminazione e pregiudizi contro le persone con disabilità. Nel 2021, negli Stati Uniti, solo l'1% delle pubblicità in prima serata in televisione mostrava individui con disabilità, secondo una ricerca di Nielsen. Questa sottorappresentazione è particolarmente sconcertante se si considera che le persone con disabilità costituiscono il 26% della popolazione statunitense. Questa mancanza di rappresentazione si estende oltre le pubblicità che vediamo; permea lo sviluppo dei prodotti, l'accessibilità dei negozi e il servizio clienti. Come riporta uno studio di P&G nel 2019, solo il 4% dei prodotti di bellezza è progettato tenendo conto della disabilità. Questa statistica è un promemoria evidente del lavoro che resta da fare per sfidare l'abilismo.



Il Campo di Battaglia della Cosmetica: Sfide Affrontate dalle Persone con Disabilità



Come accennato in precedenza, l'abilismo permea intrinsecamente il settore cosmetico. Navigare tra gli scaffali dei prodotti di bellezza può spesso essere un percorso ad ostacoli per molte persone con disabilità. Tutti questi ostacoli sono solo alcune delle forme che può assumere l'abilismo.




Packaging o Rompicapo?


Immaginate di cercare di risolvere un Cubo di Rubik, bendati, con una mano legata dietro la schiena. Questa è la quotidianità di una persona con limitata destrezza che cerca di aprire l'imballaggio di un prodotto cosmetico. L'ossessione del settore per flaconi eleganti con tappi minuscoli e scatole sigillate a vuoto non mette solo alla prova la pazienza; è una barriera che trasforma il semplice atto di usare un prodotto in una fatica di Ercole.


O pensate alla sfida di decifrare i caratteri minuscoli sulle confezioni dei prodotti cosmetici. Per chi ha problemi di vista o chi soffre di una disabilità di apprendimento, la mancanza di Braille o di codici QR per guide audio trasforma ogni nuovo prodotto in un gioco di indovinelli. È come ricevere un libro senza titolo o una mappa senza legenda.


Questi esempi non sono solo un piccolo inconveniente; sono un difetto di progettazione che priva gli individui della loro autonomia, costringendoli a dipendere da altri per ciò che dovrebbe essere un'esperienza personale ed emancipante.



Fare Shopping o Sopravvivere?


Per un utente in sedia a rotelle, fare shopping non è di certo un’esperienza piacevole di svago e relax. Il percorso ad ostacoli inizia con la ricerca di un posto auto. Si deve poi entrare in negozio o nel centro commerciale, tramite una serie di ingressi inaccessibili. Una volta dentro, gli scaffali alti e i corridoi stretti diventano un labirinto progettato per le persone senza disabilità.


Prendiamo, ad esempio, la testimonianza di Jordan Bone, appassionata di cosmetica che, dopo un incidente che le ha cambiato la vita, si è trovata a navigare tra i banchi di cosmetici e prodotti di bellezza in sedia a rotelle:

"La maggior parte dei banchi sono troppo alti per vedere e godere dei prodotti nel modo in cui fa qualcuno che non usa una sedia a rotelle. Sarebbe un passo nella giusta direzione se almeno un'area fosse accessibile in sedia a rotelle, dove potremmo passare sotto il banco e deliziarci con i prodotti prima di fare un acquisto."

Non si tratta solo dell'altezza dei banchi, anche se quella è una barriera significativa. È tutta la configurazione - dagli scaffali altissimi alle minuscole sedie girevoli che richiedono un atto circense di equilibrio senza offrire alcun supporto. Per coloro che si affidano ad ausili per la mobilità come stampelle o un bastone, il semplice atto di provare un rossetto o spruzzare un profumo diventa un'impresa. La mancanza di considerazione abilista nel mondo cosmetico non solo aliena, ma invia anche un messaggio chiaro: non tuttə sono consideratə nel mondo della bellezza (Cosmopolitan, 2023).



Navigare nel Mondo Digitale


La rivoluzione digitale prometteva un campo di gioco livellato, eppure per moltə con disabilità fare shopping online di prodotti di bellezza è solo un altro campo di battaglia. Secondo We Are Purple, un impressionante 73% di clienti con disabilità incontra barriere su oltre un quarto dei siti web che visitano.


Le disabilità visive trasformano i siti web ricchi di immagini in un mondo senza immagini, dove i sistemi di lettura audio di siti web inciampano su descrizioni di immagini mancanti. Le disabilità motorie trasformano semplici clic in compiti complessi, simili a un gioco di Twister digitale con menu a discesa ostili e pulsanti sfuggenti. Per i non udenti, l'assenza di sottotitoli nei video significa perdere la storia completa dietro a un prodotto. E le sfide cognitive possono rendere un sito web disordinato come un puzzle con troppe tessere.


Immaginate la frustrazione quando i corridoi digitali diventano un labirinto di barriere, lasciando i clienti con disabilità persi in un labirinto di inaccessibilità.



Una donna con la sindrome di Down con trucco colorato e un volto sorridente, che promuove l'inclusività e la diversità per tutte le abilità


Il Prezzo della Bellezza: Costi Economici


Le barriere economiche si estendono oltre i prezzi esposti. I prodotti specializzati spesso hanno un prezzo premium, ma quando sei una persona con disabilità, la "tassa sulla disabilità" gonfia ulteriormente il costo. Dai dispositivi adattivi al prezzo maggiorato dei prodotti appositamente costruiti per chi ha disabilità, l’ingente esborso finanziario trasforma dei semplici prodotti di bellezza in un lusso che non tuttə possono permettersi.


Prendiamo, ad esempio, l'innovazione recente di Lancôme, HAPTA. All'inizio di quest'anno, l’azienda ha annunciato questo dispositivo motorizzato alimentato da intelligenza artificiale, progettato per assistere coloro con mobilità limitata delle braccia.


L'idea è rivoluzionaria, con una presa ergonomica e una tecnologia "auto-livellante" che suona come un cambiamento radicale. Ma poi arriva lo shock del prezzo: il dispositivo è previsto in vendita a circa 199 sterline. Quando si considera che il costo di un rossetto standard si aggira sotto le 20 sterline, sorge la domanda: è questo un vero passo verso la bellezza accessibile, o è una vetrina di innovazione tecnologica con un prezzo proibitivo?



I Costi Psicologici


Consideriamo poi il peso psicologico. Quando gli standard di bellezza sono definiti da una società che ti trascura, il messaggio è chiaro: non sei adattə. Questa visione abilista può avere ricadute profonde di esclusione sull'immagine che una persona ha di sé, trasformando lo specchio in un nemico piuttosto che in un compagno. È un'esperienza comune a moltə nella comunità delle persone con disabilità, dove il riflesso non è solo una questione di aspetto, ma di visibilità e di rappresentazione nel settore dei prodotti di bellezza.




Oltre l'Abilismo e gli Stereotipi Abilisti: Un Futuro Accessibile


Nel settore cosmetico, un nuovo capitolo viene scritto da marchi cosmetici pionieri che promuovono l'accessibilità e l'inclusività. Human Beauty si distingue come faro di innovazione, fondato sulla convinzione nel potere curativo e terapeutico del makeup. Il loro mascara Liquid Confidence è un esempio lampante di design che offre facilità d'uso per coloro con problemi di mobilità senza un prezzo esorbitante (è prezzato a £18.50), dimostrando che la vera innovazione è accessibile a tuttə.



L'orizzonte del settore cosmetico viene rimodellato dalla tecnologia e dall'innovazione, pronti a rompere le barriere abiliste e a ridefinire gli standard e le pratiche di bellezza per essere realmente inclusivi. Il cambiamento che cerchiamo riguarda il miglioramento dell'esperienza di shopping virtuale per le persone con disabilità, assicurando che i siti web siano navigabili e le informazioni accessibili. Si tratta di ripensare le esperienze in negozio, rendendo banchi e display accoglienti per tuttə. Si tratta di garantire che prodotti e imballaggi siano universali, accessibili a tuttə. E si tratta di ascoltare le voci di coloro che sono statə emarginatə, integrando le loro necessità e idee nel cuore dello sviluppo del prodotto, del marketing e della comunicazione. In breve, si tratta di sfidare e sconfiggere l'abilismo.


Tuttavia, il viaggio non finisce con i prodotti o i marchi cosmetici; si tratta di un cambiamento collettivo di mentalità. È tempo di sfidare gli stereotipi, affrontare l'abilismo e abbracciare una definizione multiforme della bellezza. L'inclusività deve andare oltre una tendenza e diventare un principio fondamentale, assicurando che la bellezza sia un'esperienza condivisa da tuttə. Come consumatori, le nostre voci e scelte hanno il potere di catalizzare questa trasformazione, sostenendo e mettendo in luce coloro che danno l'esempio. È tempo che il settore cosmetico rifletta la diversità della sua clientela, non solo in tonalità e formule, ma in accessibilità ed esperienza. Perché la bellezza, nella sua forma più vera, è per tuttə.



Domande Frequenti



Che cos’è la disabilità?


La disabilità è definita dalla CRPD come menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali di lungo termine che, interagendo con varie barriere, possono ostacolare la piena ed efficace partecipazione nella società su una base di parità con gli altri.



Quante sono le persone con disabilità nel mondo?


A livello globale, le disabilità interessano circa 1,3 miliardi di persone, che corrisponde a circa il 16% della popolazione mondiale, ovvero 1 individuo su 6.



Quali disuguaglianze affrontano le persone con disabilità?


Le persone con disabilità spesso affrontano difficoltà sociali, economiche e culturali, inclusi rischi più elevati di povertà, problemi di salute e barriere all'istruzione, all'impiego e ai trasporti.



Quali sono gli esempi in cui le persone con disabilità non sono trattate in modo eguale nella società?


Esempi includono la mancanza di trasporti accessibili, opportunità di lavoro limitate e rappresentazione insufficiente nei media e nella pubblicità.



Cosa si intende per abilismo?


L'abilismo è la discriminazione e il pregiudizio sociale contro le persone con disabilità, che si manifesta in un favoritismo verso gli individui senza disabilità.



Cos'è l'abilismo nel settore cosmetico?


Nel settore cosmetico, l'abilismo è l'emarginazione sistematica delle persone con disabilità, risultando in una mancanza di prodotti accessibili, rappresentazione e considerazione all'interno degli standard e delle pratiche del settore.



Quali sono gli esempi di abilismo?


Esempi di abilismo includono imballaggi inaccessibili per i prodotti di bellezza, l'assenza di rappresentazione della disabilità nei media e barriere fisiche negli ambienti commerciali.



Come sconfiggere l’abilismo?


Possiamo evitare l'abilismo educandoci sulle esperienze delle persone con disabilità, sostenendo pratiche inclusive e progettando prodotti e spazi accessibili a tuttə.



Quali sono alcune sfide comuni che le persone con disabilità affrontano con i prodotti di bellezza?


Le sfide comuni che le persone con disabilità affrontano con i prodotti di bellezza includono imballaggi difficili da aprire per coloro che hanno dimestichezza limitata, caratteri piccoli difficili da leggere per coloro che hanno problemi di vista e costi più elevati associati a dispositivi di bellezza adattivi.



Come può il settore cosmetico diventare più inclusivo nei confronti delle persone con disabilità?


Il settore cosmetico può diventare più inclusivo progettando prodotti accessibili, creando esperienze di shopping online navigabili e informative, assicurando che i negozi fisici siano accoglienti per tuttə e includendo persone con disabilità nella pubblicità e nella creazione di contenuti.


25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page